markers/turismo/panoramicview.png Parco archeologico delle mura messapiche e necropoli

Qui puoi:

Partire per un giro in ebike

Prenota una bici per raggiungere questo luogo su due ruote (elettriche). Sulla destra della pagina trovi i percorsi che passano propri da qui.

Prenota la tua bici ora

Parco archeologico delle mura messapiche e necropoli: cosa c'è da sapere

In una vasta area di 16 ettari, quasi al confine nord-orientale dell’abitato di Manduria, si estende il più vasto parco archeologico della civiltà messapica, che abitò la penisola salentina prima della conquista romana del III sec. a.C.

L’area archeologica comprende i resti delle mura megalitiche (perché formate da grossi blocchi di pietra locale squadrati) che cingevano l’abitato messapico (costruite in triplice cerchia tra i secoli V-III a.C.), i resti di una necropoli con oltre 1200 tombe a fossa scavate nella roccia e il cosiddetto Fonte Pliniano, una sorgente d’acqua perenne nascosta in una grotta. I reperti ritrovati all’interno della necropoli sono conservati presso il Museo Archeologico “Manduria, Terra di Messapi”.

La storia di questo antico abitato racconta di contrasti e guerre che la civiltà messapica dovette sostenere prima contro la vicina città magnogreca di Taranto e poi contro i romani: il re spartano Archidamo, venuto in aiuto dei tarantini, perse la vita proprio sotto queste mura nel 338 a.C., ma nulla riuscì a fermare l’avanzata di Roma, che fu presa da Annibale nel 212 a.C.

Dove si trova Parco archeologico delle mura messapiche e necropoli

Parco archeologico delle mura messapiche e necropoli



Percorsi

I percorsi che passano da questo punto:


APERTURA
giovedì Chiuso
venerdì Chiuso
sabato 18–20
domenica17–19
lunedì Chiuso
martedì Chiuso
mercoledì Chiuso
Telefono
Cell
+39 339 460.56.15
Web
https://www.parcoarcheologicomanduria.it/
Prenota la tua bici ora