markers/turismo/panoramicview.png Frantoio ipogeo Granafei (Sternatia)

Qui puoi:

Partire per un giro in ebike

Prenota una bici per raggiungere questo luogo su due ruote (elettriche). Sulla destra della pagina trovi i percorsi che passano propri da qui.

Prenota la tua bici ora

Frantoio ipogeo Granafei (Sternatia): cosa c'è da sapere

Un viaggio nelle viscere della tradizione olearia

Il frantoio ipogeo Granafei si trova proprio all’ingresso del centro storico di Sternatia, di fianco a Porta Filìa. Rappresenta un luogo simbolo della cultura e della storia socio-economica del Salento, che custodisce nelle sue viscere centinaia e centinaia di frantoi ipogei come questo, testimonianze di una tradizione olearia che affonda le sue radici nella storia stessa di questa terra.

Realizzato tra il XVI e il XVII secolo, è oggi l’unico visitabile tra i tanti altri che si trovano sotto il pavimento delle strade e delle case di Sternatia.  

 

Un capolavoro di ingegneria contadina

I frantoi ipogei si caratterizzano per essere scavati nella roccia calcarea e hanno rappresentato per secoli un sistema ingegnoso per la molitura e la conservazione delle olive. La loro struttura sfruttava le proprietà naturali della roccia calcarea per creare un ambiente fresco e asciutto, ideale per la produzione e conservazione dell’oro liquido, come veniva chiamato l’olio d’oliva nel Salento.

Per secoli, fino alla fine del 1800, questa terra è stata una grande produttrice di olio lampante, usato per le lampade ad olio e per l’illuminazione delle strade di molte città europee.

All'interno dei frantoi ipogei si svolgeva un'intensa attività lavorativa. Le olive, raccolte dagli alberi secolari, venivano trasportate nei frantoi dove erano molite da pesanti macine di pietra. La pasta di olive ottenuta dalla molitura veniva spremuta usando torchi alla calabrese e alla genovese. L'olio estratto veniva poi conservato in grandi vasche in pietra e trasportato con le giare di terracotta, al riparo dalla luce e dal calore.

 

Un microcosmo di vita e lavoro

I frantoi ipogei non erano solo luoghi di lavoro, ma anche di socialità: durante i mesi invernali i frantoiani vivevano letteralmente sottoterra, mangiavano e si riposavano all’interno di questi ambienti, in cui ancora oggi sono ben visibili i tavoli da pranzo scavati nella roccia.

 

Dove si trova Frantoio ipogeo Granafei (Sternatia)

Frantoio ipogeo Granafei (Sternatia)

Indirizzo:

Sternatia

Percorsi

I percorsi che passano da questo punto: