Bodrio del Lazzaretto

Qui puoi:

Partire per un giro in ebike

Prenota una bici per raggiungere questo luogo su due ruote (elettriche). Sulla destra della pagina trovi i percorsi che passano propri da qui.

Prenota la tua bici ora

Bodrio del Lazzaretto: cosa c'è da sapere

Un bodrio è frutto delle esondazioni del fiume Po. Nel caso in cui l’acqua di piena riesca a sormontare o a sfondare un argine succede che in corrispondenza del punto di rottura essa acquisti un vorticoso moto rotatorio che, trapanando letteralmente il piano di campagna immediatamente adiacente all’argine, se non addirittura la stessa sede arginale, finisce per produrre particolari escavazioni a forma di cono rovesciato, talora profonde sino ad una ventina di metri, localmente denominate “bodri” o “bugni”. Questi peculiari laghi di rotta, dal profilo planimetrico per lo più subcircolare, continuano poi la loro esistenza alimentati dalla falda freatica, con cui sono strettamente connessi, divenendo nel tempo sede di comunità biologiche anche di un certo rilievo.

Anno di formazione: prima del 1723

Caratteri del paesaggio: in area di paleomeandro, con estese colture erbacee annuali. Presenza di siepi e filari arborei; limitate porzioni di territorio ad incolti agrofilo-ruderali.

superficie 17.850mq perimetro 715m profondità 7m profondità massima acqua 4m

da Ecomuseo Provincia di Cremona e pubblicazioni Pianura - Biblioteca digitale Provincia di Cremona

Dove si trova Bodrio del Lazzaretto

Galleria Fotografica

Bodrio del Lazzaretto

Indirizzo:
Argine maestro


Percorsi

I percorsi che passano da questo punto: